RSS Feed

‘Articoli da regalo in legno’ Category

  1. Se volete regalare la chitarra ecco quale comprare

    novembre 17, 2014 by Francesca

    Non è mai troppo tardi per imparare a suonare la chitarra. Bella idea per un regalo di Natale al fi glio adolescente o al coniuge in cerca di stimoli. Sì, ma quale chitarra? Ecco qualche consiglio utile per scegliere bene e spendere poco. Devo scegliere una chitarra classica? Se la fi nalità è fare rock o pop, no. Ha il manico più largo e quindi è più faticosa. Per suonare in casa e con gli amici? Come primissima chitarra può andare bene una Eko Ranger 6 Sunburst (80 euro), ma se volete qualcosa in più regalate una Fender Cd60 (intorno ai 120 euro). E se vuole suonare in un gruppo? Se fi glio o marito hanno aspirazioni di concerti, dovete spendere di più e orientarvi su una elettrifi cata, un’Eko Riccardo Zappa Signature o una Yamaha Apx500 (intorno ai 280 euro) o una Vintage VEC500 (intorno ai 300 euro). C’è anche la Sigma (sottomarca della prestigiosa Martin) 000MC-15E 15 in mogano (intorno ai 370 euro). Ma se è un rockettaro? La Vintage ha modelli ottimi per qualità prezzo (i modelli sul sito uf ciale www.jhs. co.uk ) come la V6 (emulo della Fender Stratocaster) che si trova a 280 euro. Stessi modelli li ha la Fender nella versione economica, la Squier (dai 130 euro). Quale plettro scegliere. Ci sono i thin, i medium e gli heavy. La scelta è soggettiva: regalatene uno di ogni tipo. Lui (o lei) sceglierà.

    PER STUDIARE DA SOLI CI SONO I MANUALI E LE LEZIONI ON LINE PER STUDIARE DA SOLI CI SONO I MANUALI E LE LEZIONI ON LINE Si può imparare da soli? Sì.
    La Curci pubblica manuali per tutti come il famoso Chitarristi in 24 Ore di Paul Kent, Electric Guitar Basics e Acoustic Guitar Basics (13,50 euro) che mettono in condizione di apprendere i primi accordi. Poi su siti come Ultimate Guitar ( www.ultimate-guitar.com ) si trovano gli accordi per suonare le canzoni del cuore. Il Tikbook Chitarra elettrica e basso (14,90 euro) è una guida completa agli strumenti. Chi punta in alto può cimentarsi con il manuale Come suonare la chitarra Fingerpicking (19,50 euro). On line . Su YouTube mettendo i termini « tutorial » o « how to play » accanto al titolo di una canzone, escono vere lezioni gratuite. Anche chi ha poco orecchio ora può accordare la chitarra . Perché accordare la chitarra era l’incubo dei principianti. Un tempo si accordava con il tu-tu del telefono (che è un La). Oggi ci sono gli accordatori elettronici (indispensabili) che si agganciano sul manico della chitarra (il Korg GA-1 costa 11,50 euro) e un segnale luminoso vi avverte se la vostra corda è ok.


  2. Disegnati secondo natura

    agosto 29, 2014 by Francesca

    Legno di acero o di bambù, lino e porcellana, ma anche materiali hitech come il carbonio. Passato e futuro s’incontrano open air
    Èu n piccolo angolo di paradiso terrestre, in cui godere del silenzio della natura, quello in cui apparecchiare una colazione all’aperto. Si scelgono pochi pezzi rispettando l’armonia del paesaggio. I tavoli e le sedie sono in legno o laccati nei colori dei fiori, i tessuti sono naturali e dall’aspetto raw, le stoviglie ricordano la tradizione country. E per il trasporto, una bicicletta eco-chic.

    1. Private lunch. Tavolo e sedie Bistrot pieghevoli, in metallo e legno (268 euro e 60 euro); piatto dessert in bambù grigio (6 euro); sottopiatto in lino grezzo sfrangiato (8,40 euro); bottiglia con tappo in ceramica (9,60 euro); sacco portapane in lino (26,40 euro). Fiorirà un giardino , fioriraungiardino. it 2. La fetta perfetta. Sono realizzati a mano in tiratura limitata dall’artista giapponese Issei Hanaoka i coltelli Fu-

    Sion in ebano e acero bianco. Ponti Design Studio , da 87 euro. andreaponti.com 3. Al fresco. Ha tre velocità il ventilatore Otto con scocca in bambù. Stadler Form , 169 euro. phorma.com 4. Ispirazioni. Vaso in ceramica Bird disegnato da Monica Förster. Bitossi ceramiche , prezzo su richiesta. bitossiceramiche.it 5. Soft drink. Bicchieri artigianali in vetro verde. Vetri di Empoli , su richiesta. segnoitaliano.it

    6. Old style. È disegnato da Jasper Conran il servizio da tavola Green chinoiserie in porcellana con profili in argento che reinterpreta i temi decorativi del XVIII secolo. Wedgwood , da 69 euro. bmorone.it 7. Tra le righe. Runner in lino chambray dall’aspetto rustico. Marina C , 60 euro. marinac.it 8. Raw design. Poltrona Slide composta da sezioni di legni diversi, il retro resta grezzo per svelare la lavorazione. Controprogetto , prezzo su richiesta. controprogetto.it 9. Estate comodi. Poltroncina impilabile Stella in mogano (175 euro); tavolo Flower in metallo colorato (130 euro); poltroncina in metallo Summer (145 euro); tavolino in mogano con vassoio estraibile Petit Club (190 euro). Ethimo , ethimo.it 10. In sella. Bici in carbonio con telaio monoscocca, decorata a mano. Achab , 7mila euro. achabici.it


  3. Sguardi d’autore

    maggio 7, 2012 by Francesca

    Nascono nel cuore della Basilicata gli occhiali che conquistano i divi di Hollywood e Cinecittà. Nel paese di Tito, a poco più di 15 km da Potenza, Antonietta Tummolo guida con passione, competenza e creatività l’azienda Occhialeria Artigiana . Fondata cinque anni fa, è una bella realtà che si sta facendo strada grazie alla cura maniacale per il dettaglio, all’attenzione alla qualità, alla passione per lo stile. Elementi che hanno conquistato Tim Burton, Toni Servillo, Sergio Rubini, il re dei paparazzi americani Ron Galella e tanti altri. Alla base del successo dei modelli, come i due esemplari della Collezione “Il Sole” (riprodotti in alto e in basso, prezzo da 220 €), ci sono la lavorazione fatta a mano (il pezzo forte al centro del laboratorio è rappresentato da otto buratti in legno, piccole urne che impreziosiscono i componenti della montatura grezza), il materiale, acetato puro e colorato in massa sotto forma di lastre, l’uso di tinte e nuances di rara bellezza, il recupero di una sapienza artigianale, che richiede tempi lunghi e pazienza.

    IMPATTO ZERO La montatura dei W Eye è realizzata con sette fogli di legno e due di alluminio assemblati. Sono molto leggeri: non hanno cerniere, viti o parti metalliche. Finitura manuale con vernice trasparente ad acqua. Il modello 101, da vista, è in legno zebrano e costa 400 € circa; il 202, in ebano, costa 500 €.

    FATTI DA UN EBANISTA I 21 grammi di montatura, in legno certifcato FSC, sono stati creati dal maestro ebanista Mario Moggi, poi l’assemblaggio avviene con le migliori tecnologie: Feb 31st è il brand italiano che unisce artigianato e industria. Si può scegliere il colore esterno e interno della montatura, da 400 €.

    LOW COST DALL’OREGON Un ottimo rapporto qualità-prezzo contraddistingue gli Shwood, occhiali prodotti in Oregon con la montatura in diversi tipi di legno, come il noce o il palissandro, dotati di cerniere elastiche per adattarsi meglio al viso. Il più richiesto è il Canby con lenti normali o polarizzate di Carl Zeiss, da 150 €


  4. Occhiali eco friendly

    agosto 8, 2011 by Francesca

    Anche l’occhialeria diventa eco – friendly: una tecnica innovativa (e tutta Italiana) accoppia legno e alluminio per creare montature dal design accattivante e dall’anima verde.

    Creatività, artigianalità e lusso, storici capisaldi del Made in Italy, incontrano la filosofia green nella collezione di occhialeria firmata W-eye. Un progetto tutto italiano, che nasce dall’ incontro di due talenti: quello del pluripremiato designer Matteo Ragni e quello di Doriano Mattellone, visionario imprenditore friulano da sempre innamorato del legno.

    Il know how acquisito in trent’anni di esperienza diretta con il legname si concretizza nell’introduzione di un materiale innovativo, creato assemblando sottilissimi fogli di legno e alluminio. Una materia a impatto zero, resistente ma anche elastica, da cui prendono forma le montature rigorose disegnate da Matteo Ragni.
    Interamente artigianale il processo produttivo: dopo che l’occhiale è stato intagliato nel legno, c’è una fase di finissaggio certosina, che comprende levigatura a mano, smussatura, accordatura. Segue poi la verniciatura: e, al termine, ogni paio di occhiali è marchiato con un sistema laser che ne garantisce la tracciabilità.

    Personalizzabili su richiesta, le montature W-Eye sono sempre pezzi unici.

    Fino a qualche tempo fa l’idea di un occhiale eco friendly era del tutto insospettabile, sembra invece che la tendenza attuale, in tutti i settori, sia quella di associare l’idea di eco sostenibilità a tutti i prodotti.


  5. Hi-tech in bambù

    agosto 3, 2011 by Francesca

    Forse l’immagine che vedi qui a sinistra ti sembra lo scatto di un’installazione concettuale di arte contemporanea che sta a rappresentare una scrivania accessoriata con oggetti realizzati interamente in legno di bambù.

    La notizia è che non si tratta di oggetti d’arte o di prototipi, ma di veri e propri accessori per pc funzionali e funzionanti. È la linea prodotta da Eco Store che si può trovare in esclusiva nei centri Natural Informatic.

    Tastiera, mouse wireless, chiavetta usb 4 Gb, cuffie con microfono, auricolari… Insomma, un’intera linea originale e naturale di accessori per pc realizzata in bambù. E, a completare il necessaire eco-tech, ci sono anche gli altoparlanti realizzati in cartone riciclato.

    Perché usare il bambù? Perché è antibatterico, limita le radiazioni del computer, non patisce il caldo ne tantomeno il freddo e limita la sudorazione delle dita, come invece fa la plastica, materiale altamente inquinante.

    I prezzi degli accessori Eco Store variano dai 12,90 euro delle casse cubo ai 49,50 della tastiera. Ma la consapevolezza di utilizzare un materiale naturale e non inquinante non ha prezzo. Un risparmio che si può anche quantificare: il mouse in bambù, per esempio, fa risparmiare 250 grammi di plastica e la tastiera addirittura mezzo chilo.

    La tecnologia oggi, oltre ad avanzare in prestazioni, riesce anche ad essere eco sostenibile ed aiutare la nostra voglia di proteggere l’ambiente che ci circonda.


  6. Regalo Sol-Levanti

    giugno 23, 2011 by Francesca

    7 idee regalo, originali e che fanno bene al Giappone.

    1. La polo d’attrazione. E’ The Japan Hope, firmata da Ralph Lauren. I ricavi sostengono gli aiuti umanitari di United Way, ralphlauren.com

    2. Metterci il cuore. Esattamente quello che ha fatto Toy Burch con la bandiera nipponica. Risultato? Una t-shirt da collezione e tanti soldini alla croce rossa, toyburch.com

    3. Romant-icone. Gucci loves you recita la maglietta d’oro. Così il bracciale deluxe diventa un dedica d’amor, mooolto benefica gucci.com

    4. Nippo-filo. Il bracciale creato da Atelier VM, ateliervm.com, in seta e ora è leggero, costa solo 35 euro, e una parte dei guadagni va alla Croce Rossa Italiana. Cos’altro dire? “Viva Giappone” (si chiama proprio così)

    5. Gusto (im)palpabile. Un abito, due top in chiffon e una t-shirt: sono i pezzi forti che Theyskens’ Theory ha creato in esclusiva per Colette, esclusivamente per sostenere la popolazione giapponese, colette.fr.

    6. Sogni nelle cassette. Nucleare vade retro e Koi Fish: i nomi degli ultimi film di fantascienza? no, i nomi delle scatole disegnate da Barnaba Fornasetti e Alessandra Baldreschi per contenere, letteralmente, donazioni e oboli. charityboxforjapan.com

    7. Perline di saggezza. Trollbeads, brands di bijoux componibili, crea il set Kimono: sei pezzi ispirati alla sete giap, fatti in vetro giap, ideato dalla giap Nozomi Kaji. Il ricavato? Pro Giap, trollbeads.com


  7. Ricicla i tuoi regali

    giugno 3, 2011 by Francesca

    Vi è mai capitato di avere oggetti doppi in casa? O di ricevere un dono non gradito o persino qualcosa che avete già?

    Oggi da Mercatopoli è possibile portare in vendita oggetti come questi che non si desidera tenere o perchè si posseggono già o perchè non graditi. Ovviamente se qualcuno li porta in vendita sarà possibile per ogni cliente trovarli in esposizione e acquistarli a prezzi eccezionali. L’idea dei regali riciclati attuata da Mercatopoli permette di liberare armadi e soffitte in cui lo spazio viene a volte occupato da oggetti che hanno ancora la confezione originale e rubano spazio a cose che invece abbiamo bisogno di tenere.

    Questa è una delle semplici attività che permette di realizzare entrate extra a chi vende subito questi oggetti portandoli al punto vendita Mercatopoli più vicino oppure, per chi li acquista, di fare ottimi affari in occasioni particolari.

    Girodoni è un’ottima soluzione ad esempio in occasione delle feste natalizie in cui si desidera fare dei doni ad amici e parenti cari senza spendere una follia. Da Mercatopoli con Girodoni i regali riciclati hanno uno spazio dedicato, un’apposita carta da regalo e un bellissimo adesivo: sono sempre oggetti nuovi e perfetti.

    Girodoni inoltre è un modo per rispettare l’ambiente e vivvere green in tutte le stagioni ed è un servizio disponibile già in molti punti vendita del network Mercatopoli.


  8. Il trolley mille scomparti

    marzo 15, 2011 by Francesca

    Papà amante del fai da te ma molto disordinato e magari ogni volta vi chiede dove si trova questo o quell’attrezzo?
    Ecco una possibile soluzione, si chiama Smart Caddy ed è un vero e proprio trolley ma con gli scomparti fatti apposta per tenere insieme e in maniera ordinata e facilmente reperibile tutti gli attrezzi per il fai da te.

    Ha la valigetta superiore asportabile dotata di portaminuterie sul coperchio, e un box inferiore “open space” ad ampia capacità. All’interno trovi un pratico vassoio porta-tutto, estraibile, oltre ad un vassoio girevole a scomparsa, con scomparti personalizzabili. Le sue resistenti ruote, con perno metallico, assicurano la massima stabilità nello spostamento, mentre il manico essendo a scomparsa non ingombra.

    Con questo regalo finalmente cantine, garage, scantinati, campagne non saranno più invase di attrezzi sparsi per ogni dove e il vostro papà non si arrabbierà con voi accusandovi di avergli sottratto la sua amata “chiave inglese”.
    E se, come al solito, vi chiede di portargli quell’attrezzo che si è dimenticato nell’altra stanza, voi saprete che è nel suo trolley e non dovete cercare per tutti gli angoli della casa!

    Chiusure e manico sono in metallo, e il corpo è realizzato in solido materiale antiurto. Dim. (L x H x P) 46 x 62 x 28 cm ca. Disponibile su dmail.it a 54,99€.


  9. Regali originali e utili! 2

    marzo 1, 2011 by Francesca

    Quando il regalo deve essere necessariamente originale e utile è molto difficile abbinare questi due aggettivi. Ma non impossibile. Soprattutto per gli studiosi della Università di Leicester.

    Ecco altre idee:

    – Come non desiderare un tostapane-radio Am/Fm? Due oggetti del mattino riuniti in uno, per un’efficienza energetica totale.

    – Un normale specchio retrovisore? Non solo, anche un “trivisore” con tre ingressi video, tra cui ovviamente la telecamera posteriore, il lettore dvd o il sintonizzatore dvb-t, questi ultimi due da guardare solo quando si è fermi.

    – Una “hub” usb con ingressi per pen-drive e card sd, ma la sua vera funzione è un’altra: termometro da tavolo con temperature celsius e fahrenheit. O forse viceversa.

    – Una bottiglia alchemica, che può eventualmente essere usata “anche” per contenere l’acqua. In realtà, serve a trasformare quest’ultima in qualunque bibita, utilizzando gli iniettori di sapore e lo zuccheratore incorporato.

    Perché confinare i video al piccolo schermo dell’iPhone quando è possibile proiettarli sul muro? Questo piccolo dock non serve solo a ricaricare il melafonino, ma funge da proiettore per condividere la visione dei contenuti multimediali.

    – Non aprite quella scala: nei gradini di un’apparentemente normale salita in legno, trova spazio una cassettiera di nuova concezione.
    Bevuto troppo? Questo curioso oggetto transformer è un test per automobilisti aiuterà a determinare la concentrazione di alcol nel corpo per capire se è il caso di non guidare. E se c’è da passare il tempo mentre si smaltisce, l’oggetto si trasforma in un trasmettitore Fm per iPhone, in modo da ascoltare sulla radio dell’automobile tutte le vostre playlist.


  10. Diritti del consumatore

    dicembre 30, 2010 by Francesca

    Le feste natalizie sono finite, e i regali fatti e ricevuti sono tanti e diversi. Vale la pena ricordare quali sono i diritti del consumatore secondo l’associazione Aduc.

    ENE ROTTO O DIFETTOSO – LA GARANZIA
    Sei avete acquistato un bene, si può solitamente usufruire di due garanzie:
    1. la garanzia commerciale (o del produttore). Non è regolata dalla legge. E’ quindi necessario leggere le condizioni contrattuali di garanzia (solitamente all’interno della confezione) per sapere cosa ci spetta. Per ottenere una riparazione in garanzia commerciale, ci si dovrà rivolgere direttamente al produttore o ai suoi centri di assistenza.
    2. la garanzia legale (o del venditore). E’ invece prevista dalla legge a carico del venditore ed è valida per due anni dall’acquisto. Per ottenere una riparazione in garanzia legale, ci si dovrà rivolgere direttamente al venditore, mostrando lo scontrino o qualsiasi tipo di ricevuta che dimostri l’acquisto (carta di credito, etc.). Contrariamente alla garanzia commerciale, che può prevedere tutto e nulla, la garanzia legale offre determinate tutele per tutti i consumatori privati (sempre che l’acquisto sia stato fatto senza partita Iva).

    DIRITTO DI RECESSO O DI “RIPENSAMENTO”
    Per poter ottenere il cambio del bene, oppure la restituzione di quanto pagato, tutto dipende da come e dove si e’ fatto l’acquisto.
    1. Acquisti fatti in negozio o in altri locali commerciali. Salvo accordi con il venditore, la legge non prevede alcun diritto di recesso. Questo significa che non si ha diritto alla sostituzione, a buoni acquisto o altro, a meno che il negozio non sia d’accordo.
    2. Acquisti fuori dai locali commerciali (a domicilio, per strada, in alberghi, per posta, etc.). Si può recedere senza penalità e senza darne alcuna giustificazione, inviando al venditore una lettera raccomandata a/r entro dieci giorni lavorativi dalla data di sottoscrizione del contratto.
    3.Acquisti a distanza (via Internet, per telefono, etc.). Si può recedere senza penalità e senza darne alcuna giustificazione, inviando al venditore una lettera raccomandata a/r entro dieci giorni lavorativi da quando si riceve il bene.