RSS Feed

‘Articoli da regalo ingrosso’ Category

  1. Lo stressometro

    novembre 30, 2011 by Francesca

    Quante volte vi sentite stressati, ma le persone che vi circondano minimizzano con una risata? Quanto prima potreste certificare il vostro malessere, grazie ad un gadget giapponese capace di misurare il vostro stato di stress. Si tratta di una piccolo rilevatore costruito dal team del professore Nitta della Tokyo Metropolitan University e integrato in un dispositivo simile a un mouse per computer.

    In realtà, la tecnologia alla base di questo stressometro è la medesima di un sensore dell’onda pressoria del sangue. L’utente non deve quindi fare altro che appoggiare il proprio dito sul mouse per circa 10 secondi e il sensore rileverà la variazione del flusso sanguigno, correlandola poi, attraverso un apposito software, allo stato di disagio del soggetto. Le variazioni del flusso saranno poi mostrate sullo schermo del PC con a un grafico in tempo reale, mentre lo stress sarà misurato grazie ad una scala di quattro colori differenti.

    Il sistema, secondo il professor Nitta, sarebbe quindi in grado di certificare il livello di stress del soggetto con una correlazione fra dati raccolti e risultati offerti superiore al 70%.

    In pratica, la piattaforma si baserebbe sull’assunto che il più importante fattore di stress sia da ricercare negli ormoni. Quindi, attraverso lo stesso principio con cui funziona il pulsiossimetro, un fascio di luce emesso dalla sonda ad una determinata lunghezza d’onda verrebbe assorbito in modo differente a seconda degli ormoni presenti nel flusso. Correlando questo risultato con la variazione del flusso stesso, si otterrebbe l’indicatore di stress cercato.


  2. Acqua San Pellegrino

    settembre 13, 2011 by Francesca

    Che l’acqua fosse diventata un lusso .. questo oramai è chiaro a tutti! Oramai numerose maison di moda o casse di alta gioielleria, fanno a gare pur di vestire una bottiglia d’acqua in maniera insolita.

    Questa volta, la protagonista è l’acqua italiana minerale San Pellegrino, che ha subito una trasformazione provvisoria, dopo aver accettato l’invito della gioielleria di lusso Bulgari in occasione dei 125 anni.

    La bottiglia è già disponibile da Colette per tutti coloro che vogliono e amano collezionare bottiglie differenti.
    Per festeggiare i suoi 125 anni, Bulgari ha chiesto all’azienda di acqua di realizzare una bottiglia per festeggiare la mostra aperta al Gran Palais di Parigi dal titolo «125 anni di magnificenza itailiana e proprio per questa importante mostra, Sanpellegrino ha realizzato una bottiglia di acqua minerale con un’etichetta speciale in edizione limitata sulle tonalità oro.

    La maison di moda italiana Missoni ha deciso, di comune accordo con l’azienda S. Pellegrino, di realizzare una fantastica edizione speciale della bottiglia che verrà commercializzata in 120 paesi differenti.

    Questo progetto nasce dalla voglia, da parte dell’azienda italiana S. Pellegrino, di creare sinergie con altre aziende e favori la commercializzazione del Made in Italy.

    Questo nuovo progetto dovrebbe essere terminato da qui ai tre mesi, quando vedremo finalmente il risultato finale, che senza ombra di dubbio sarà colorato, di classe, in pieno stile Missoni e legato all’acqua.
    Per settembre l’arcano verrà svelato, chissà cosa saranno riusciti a creare di tanto eccezionale?


  3. Orologio in Braille

    aprile 6, 2011 by Francesca

    Dal 1900 fino ad oggi, gli orologi per non vedenti sono stati declinati in differenti modelli da differenti marchi, fino all’avvento degli ultimi dispositivi che attraverso una voce metallica leggono ad alta voce l’orario riportato su uno schermo a cristalli liquidi. Fino alla loro comparsa, la maggior parte degli orologi dedicati agli ipovedenti erano modelli classici, il cui vetro, però, era scoperchiabile, lasciando al non vedente la possibilità di toccare le lancette e di distinguere gli indicatori d’ora, permettendo così una facile lettura. Questi metodi potrebbero essere presto superati da un concept ideato da David Chavez, che su Kickstarter, cerca sostenitori e donatori per il suo Haptica Braille Watch.

    In sostanza, Haptica è in grado di mostrare l’orario in braille, permettendo così ai non vedenti di comprendere in modo ancora più veloce l’ora della giornata in cui ci si trova.

    Affinché il progetto possa essere completato, c’è necessità di raccogliere 150mila dollari, di cui circa 43mila sono stati già raccolti, grazie alle donazioni dei netizen che credono nell’utilità di un simile oggetto.

    Per ora non è possibile sapere come funzionerà l’orologio, se attraverso sistemi digitali oppure con cilindri di tipo meccanico, ma i più curiosi potranno seguire le fasi della progettazione nella pagina del portale Kickstarter dedicata all’idea di Chavez, magari offrendo anche una loro piccola donazione, qualora credano nella validità del progetto.


  4. Regala un lampione

    gennaio 20, 2011 by Francesca

    Se vi regalassero un lampione come la predereste??? E se questo lampione, oltre ad illuminare la vostra strada potesse ricaricare le auto elettriche ed è perfino un hot-spot per internet senza fili? E poi, all’occorrenza, diventa una telecamera di sorveglianza?

    Lo scopo? Evitare che si sprechi energia, trovare il modo per far accendere la luce solo quando è necessario. Era il 1982 e l’allora albergatore Piero Cecchini, oggi titolare della Umpi, piccola azienda tecnologica di Cattolica (Rimini), iniziò a lavorare al progetto. Una nuova legge prevedeva l’installazione in tutti bagni dell’hotel dei dispositivi di chiamata d’emergenza, le cordicelle da tirare in caso di malore.

    Da qualche anno, la ditta romagnola, che ha una cinquantina di dipendenti, sfrutta i lampioni per fornire servizi ai cittadini. “È un sistema che permette di passare dalla casa intelligente alla città intelligente. La rete Internet è a macchia di leopardo, mentre quasi tutto il pianeta è già cablato perché i lampioni ci sono ovunque”, fa notare Gianluca Moretti, socio e amministratore delegato dell’azienda.

    L’applicazione pratica permette di usare gli impianti di illuminazione come reti Wi-Fi, con i lampioni a fungere da snodi per creare punti di connessione. Ma anche come ricarica per veicoli elettrici, base per telecamere di videosorveglianza, per piccole centrali meteo e per informazioni di qualsiasi genere. “Tutti servizi che un’amministrazione pubblica può fornire ai suoi cittadini senza spese aggiuntive, visto che se li ripaga con il risparmio energetico”, spiega Moretti.


  5. Inizia la stagione dei saldi

    gennaio 6, 2011 by Francesca

    Si apre ufficialmente oggi, 6 gennaio, la stagione dei saldi, in quasi tutte le città italiane, con precisione vi forniamo il calendario di tutte le città con le date di apertura e chiusura della stagione saldi invernali.

    REGIONE CITTA’ PERIODO
    Abruzzo L’aquila 6 gennaio – 6 marzo
    Basilicata Potenza 2 gennaio – 2 marzo
    Calabria Catanzaro 2 gennaio – 28 febbraio
    Campania Napoli 2 gennaio – 31 marzo
    Emilia-Romagna Bologna 6 gennaio – 6 marzo
    Friuli Venezia Giulia Trieste 3 gennaio – 31 marzo
    Lazio Roma 6 gennaio – 16 febbraio
    Liguria Genova 6 gennaio – 19 febbraio
    Lombardia Milano 6 gennaio – 6 marzo
    Marche Ancona 6 gennaio – 1 marzo
    Molise Campobasso 2 gennaio – 28 febbraio
    Piemonte Torino 6 gennaio – 3 marzo (il resto delle province 1 gennaio – 31 marzo)
    Puglia Bari 6 gennaio – 28 febbraio
    Sardegna Cagliari 8 gennaio – 8 marzo
    Sicilia Palermo 2 gennaio – 15 marzo
    Toscana Firenze 6 gennaio – 6 marzo
    Umbria Perugia 6 gennaio – 6 marzo
    Valle d’Aosta Aosta 10 gennaio – 31 marzo
    Veneto Venezia 6 gennaio – 28 febbraio
    Bolzano Provincia 8 gennaio – 19 febbraio
    Trento Provincia libertà dei commercianti per 60 giorni

    E dopo un Natale incentrato sul risparmio, i commercianti sperano di rimpinguare le casse con i saldi invernali. La crisi anche per i regali natalizi non si è risparmiata, tant’è che i commercianti, anche prima dell’apertura ufficiale dei saldi, hanno effettuato sconti “sotto banco” per cercare di guadagnare qualche euro un più. Lo scorso lunedì, all’apertura della stagione dei saldi a Napoli i negozi sono stati presi d’assalto, con immensa gioia dei commercianti.

    Nel post di domani vi diamo qualche consiglio per evitare le truffe da saldo.


  6. Ricreare mobili

    novembre 11, 2010 by Francesca

    Continuiamo nel proporvi idee regalo originali ma anche “sostenibili” per il nostro ambiente.

    Negli ultimi tempi non si usa più il termine riciclo, ma il più appropriato ri-costruire o meglio upcycling, che mira alla “riparazione” degli oggetti in disuso o di scarto. Perché riparare è meglio che riciclare. Riutilizzare in maniera artigianale oggi quotidiani di scarto o in disuso.

    L’obiettivo è quello di far durare meglio gli oggetti che acquistiamo piuttosto che disfarcene appena sono rovinati. Oppure semplicemente ri-utilizzare rifiuti che andrebbero buttati.

    Il movimento ambientalista ha contribuito ad orientare alcuni grandi designer nel creare incredibili nuovi prodotti a partire da materiali già esistenti, di ri-utilizzare vecchi oggetti provenienti da rifiuti di consumo. New York City-based costruisce mobili di design. Chris Rucker, designer, usa materiali come laminati plastici, orientati-filo-board, e l’assemblaggio di guaina in combinazione con metodi di costruzione di qualità per mostrare una estetica rivoluzionaria e desiderabile.

    Chris Rucker mentre camminava verso e dal suo studio di Brooklyn, ogni giorno, incontrava mucchi di mobili fuori uso e ha iniziato ad interpretare questi pezzi non modo usa e getta, ma re interpretandoli.

    I mobili disegnati e creati da Chris Rucker sono pezzi unici, originali e assemblati interamente a mano. Mobili che diventano desiderabili con oggetti indesiderabili.