RSS Feed

‘Articoli da regalo matrimonio’ Category

  1. La sposa sopra le righe

    settembre 25, 2014 by Francesca

    Fortunatamente le donne sanno essere molto perspicaci. Così, si narra che qualche sprovveduta sia arrivata all’ altare dopo aver imitato le usanze maschili durante l’addio al nubilato, ovvero troppi giri per locali e troppi bicchieri. Ultimamente, invece, le promesse spose sanno fare di necessità virtù e sono ben felici di passare una giornata con le amiche più care, ma tra i vapori e i massaggi di una spa, che incentiva le confidenze e anche la bellezza. Al di là del look, del vestito o del tipo di cerimonia, infatti, una cosa è certa: la sposa il giorno del sì deve avere la pelle in condizioni impeccabili. O almeno provarci e, quindi, organizzarsi per tempo. «La cute del viso – spiega Agostina De Angelis, nation a l m a k e – u p a r t i s t Lancôme – è come la tela del pittore e più la base è buona e liscia e migliore sarà il quadro. Oltre a un’ alimentazione e a una vita sana, fin da qualche mese prima bisogna usare regolarmente una volta alla settimana un esfoliante e una maschera idratante». Detersione, lozione e trattamento adatto al tipo di epidermide sono gli step imprescindibili per Pablo Ardizzone, make-up specialist Shiseido: «La linea Ibuki agisce in profondità, ma con delicatezza proprio in questi tre momenti fondamentali, mentre come base trucco è perfetto Ultimune, che è un prodotto intelligente, in grado di capire di cosa ha bisogno la pelle e di darglielo».

    I CORRETTORI A questo punto, la strada è tutta in discesa e per sublimare l’incarnato basterà un fondotinta leggero e luminoso, che non copra, ma che svolga semplicemente un effetto calza sul viso, camuffando i piccoli e ostinati difetti e soprattutto eventuali discromie. «I primer per viso, occhi e labbra sono fondamentali – ricorda Davide Frizzi, make-up artist Dior – Così come basi che si fondono con la cute, illuminanti e correttori da fissare con le ciprie per una tenuta a prova di emozioni». Il concept per il matrimonio deve essere pensato prima, secondo Simone Belli, truccatore L’Oréal. «È importante capire che non si è di fronte a un’attrice o a una modella che deve interpretare un ruolo. La sposa deve essere se stessa. Quindi va rispettato, migliorato e reso etereo il suo look, affinché, a distanza di tempo, si riconosca sfogliando il book fotografico». Per questo gli esperti sono contrari all’uso indiscriminato delle sfumature pastello e albicocca. «Per gli ombretti – spiega Pablo Ardizzone – si possono osare tinte decise, creando delle ombre color terra bruciata in contrasto con una base champagne. Per sottolineare l’occhio un eye-liner blu neutro, caratterizzato da una cromia più naturale del nero». SMOKEY PROFONDI Glamour e selvaggia è anche la sposa secondo Lancôme: «Per me – dice Agostina De Angelis – deve essere aggressiva e, quindi, opto per smokey profondi e per tantissimo mascara, accompagnati da sopracciglia ben disegnate e sottolineate, per uno sguardo sensuale.

    L’incarnato va al naturale e scolpito da un fard in tre cromie come Blush Subtil Palette». Un velo di rosa romantico sulle guance, che non devono essere abbronzate, è una delle poche concessioni all’ immaginario della donna angelicata anche per Simone Belli: «Mi piace quella anticonformista, con la bocca rossa e uno sguardo incisivo, sfumato nelle ombreggiature del marrone intenso ed esaltato da punti luce su tempie, naso e zona centrale del volto». Tanto mascara, waterproof (perché non si sa mai se e quando le lacrime decidono di palesarsi) e solo sulle ciglia superiori per Davide Frizzi: «Per gli occhi il colore la fa da padrone, creando un legame con l’abito, che non è ormai necessariamente bianco. Si può giocare con i beige e, poi, definire lo sguardo con un blu scuro, usato anche sotto l’occhio. Il rossetto mi piace rosso, da scegliere anche mat per le giovani e satinato per le più mature». Per lui anche le unghie, rigorosamente corte, vanno dipinte nel colore della passione, mentre gli altri esperti prediligono una forma a goccia, ma in colori naturali, come i beige, i nudi e i rosati, che sfinano la mano. Da evitare accuratamente la french e le forme squadrate.


  2. Lingerie: perlacea e intrigante

    settembre 24, 2014 by Francesca

    Alla lingerie e all’intimo che la sposa indosserà il giorno del matrimonio spetta il compito, per nulla trascurabile, di valorizzare i punti forti, mimetizzare i difetti della protagonista della festa e nello stesso tempo coniugare eleganza e comodità. Per quanto riguarda il reggiseno, con abiti a sottoveste o co corpino a bustier, indispensabili capi senza spalline o con coppe a triangolo. L’abito con il corsetto strutturato, anche se al suo interno prevede già un sostegno, lascia comunque spazio libero a coppe imbottite e push-up. Per gli abiti scollati dietro, si trova una vasta gamma di reggiseni che si allacciano in vita, e non sulla schiena. Per quanto riguarda i colori, è adatta tutta la gamma del bianco, dal ghiaccio al cipria, sempre coordinabili con il vestito.

    In tema di slip, praticissima è la microfibra: comoda ed elastica, non segnala la silhouette ed è indicata ad ogni tipo di abito. Molto in voga è anche la biancheria “contenitiva”, quella della nonna d’accordo, ma che anche le star di Hollywood indossano sul red carpet per creare un perfetto “lato B” e mascherare ogni difettuccio. Intramontabile il comodo cotone, anallergico e anti stress anche perchè sempre più spesso si propone alla sposa di indossare un tipo di lingerie comoda e pratica durante tutto il giorno, lasciando invece per la sera l’intimo impreziosito da pizzi e applicazioni. Seta, sangallo, batista, tulle o raso, pizzo, la gamma di tessuti impiegati per la biancheria intima dedicata alla prima notte di nozze è infinita, come pure i modelli proposti. Ma anche le spose che desiderano sentirsi sexy e seducenti durante tutta la giornata non hanno che l’imbarazzo della scelta. Le collezioni propongono completi e bustini in pizzo e intriganti trasparenze nei tradizionali colori bianco e avorio. Da non dimenticare la biancheria per il giorno dopo: ok a vestaglie e kimono in raso, seta o pizzo, sensuali ed eleganti, perfette quindi per la prima room service breakfast.


  3. Dico sì con gli short

    luglio 16, 2014 by Francesca

    La it girl Olivia Palermo li ha scelti per il suo matrimonio, come ha fatto prima la showgirl Elena Santarelli . Ed è subito tendenza moda Se vuoi fare come le it girl, sposati in shorts. Ai pantaloncini corti come capo indispensabile dell’estate avevamo fatto l’abitudine, ma vederli indossati da una sposa il giorno del suo matrimonio è tutta un’altra cosa. L’attrice e icona di stile newyorkese Olivia Palermo, 28 anni, ha definitivamente sdoganato questo capo quando, il 29 giugno, si è sposata con rito civile a Bedford, nello stato di New York, con il modello tedesco Johannes Huebl , con il quale è fidanzata dal 2008. Per lo scambio delle promesse, Palermo ha deciso di non nascondersi in un abito effetto meringa, ma ha scelto un insolito tre pezzi della stilista di origini venezuelane Carolina Herrera: maglia in cashmere color crema, shorts e, a fare da gonna, veli di chiffon ricamati e arricciati .

    Ai piedi, dato che la tradizione nuziale prevede di avere “qualcosa di blu”, Olivia ha scelto le décolletée cobalto forse più famose al mondo: le Hangisi di Manolo Blahnik, cioè le scarpe indossate anche da Carrie Bradshaw, la protagonista del film Sex & the City , interpretata dall’attrice Sarah Jessica Parker, il giorno del sì cinematografico. Calzature a tacco 12 che Olivia già aveva indossato in passato e che l’hanno aiutata a compensare il suo metro e 63 di statura a fianco del modello tedesco. Lo sposo, invece, era in completo chiaro di Anthony Hamburg, cravatta Charvet e fazzoletto da taschino di Etro. In Rete, dove le foto ufficiali del matrimonio, postate su Instagram da Johannes, sono state ritwittate migliaia di volte, la scelta della sposa di optare per gli shorts è stata molto dibattuta. Le sue fan sottolineano che Olivia aveva sdoganato i pantaloncini nelle prime file delle sfilate di Parigi (in marzo si era presentata così da Valentino) e che ormai quello, assieme alla borsa Birkin di Hermès, è un po’ il suo capo simbolo. Le esperte di moda e le stylist, invece, ricordano alle aspiranti spose che il dettaglio moda era già lì da tempo: nelle collezioni degli stilisti più amati, gli shorts da cerimonia ci sono, eccome, e in diverse declinazioni .

    Domenico Dolce e Stefano Gabbana, che amano usare il Sangallo per le loro creazioni, in passerella hanno fatto sfilare shorts iper romantici che sarebbero perfetti corredati da velo e bouquet, mentre per Blumarine, Anna Molinari ha optato per il pizzo bianco panna; lo statunitense Michael Kors invece ha puntato sul cotone traforato. A Parigi la tendenza shorts era fortissima: Peter Pilotto non ha tradito i codici futuristici della sua estetica e ha declinato gli hot pants a vita alta in tessuto jaquard, mentre la grande protagonista della sfilata di Rochas è stata la seta. Sulle passerelle di Isabel Marant, designer amatissima da tutte le parigine e no, il rimando al mondo della danza era chiarissimo, tanto che i suoi pantaloncini in cotone sembravano rubati a una moderna étoile. Ma un precedente di neosposa in pantaloncini l’abbiamo già avuto anche in Italia. La showgirl Elena Santarelli, per il suo matrimonio con l’ex calciatore Bernardo Corradi, alla festa seguita al sì ha indossato un secondo abito da sposa firmato Alberta Ferretti : una mini tuta di pizzo con profonda scollatura su base di tulle, con un’ampia gonna applicata in chiffon di seta, che poi ha tolto.

    Ovvero una versione sexy e chic del look scelto da Olivia Palermo. In fondo, è difficile darle torto. Ormai una tendenza forte, in fatto di matrimoni, è organizzare cerimonie meno ingessate, magari in località esotiche, che prevedano un abbigliamento più rilassato. Allora, meglio limitare strascichi e gonne gonfie, optando per un paio di shorts. Senza dimenticare che una vera it girl cercherà di sorprendervi ancora alla prima occasione disponibile. Olivia, per esempio, sta già preparando il suo secondo matrimonio: quello in shorts a Bedford è stato civile, ora i fan la aspettano alla prova in chiesa. Ci sarà un nuovo vestito . E tutto lascia pensare che a firmarlo sarà quel suo amico che di nome fa Valentino Garavani. Se così fosse, provare a imitarla sarebbe davvero difficile.


  4. La sposa dice “sì” al low cost

    marzo 10, 2014 by Francesca

    Facile dire due cuori e una capanna. C’è da pensare anche all’abito e in quel momento la sposa dimentica ogni razionalità. Anche la fanatica della spending review e del 3×2 al supermercato si perde, inesorabilmente, dietro ai veli di uno strascico. Per chi non ha dubbi sulla taglia e può acquistare a occhi chiusi, il brand statunitense J. Crew offre molti abiti acquistabili online. I prezzi partono da poco meno di 300 euro per un modello lungo in pizzo, per arrivare a strati di organza e tulle abbinati a un corpetto incrociato a più di 2mila euro, ricordando di aggiungere le tasse e sperando di non mutare fisico per l’ansia dell’evento. Sul sito è possibile comprare anche accessori come fermagli o velo a prezzi competitivi. Alle future spose che tendono al low cost viene in soccorso anche H&M, che ha messo a punto un abito a soli 79,95 euro. Per una cifra che il conto in banca ignorerà, da fine marzo, sarà possibile acquistare un capo ispirato agli anni Trenta realizzato in poliestere riciclato, con drappeggi sul busto e decori ramage sulla scollatura. Si tratta della proposta più insolita della linea Conscious, dedicata alla sostenibilità. Se si può spendere qualcosa in più e si ha un animo ugualmente ecologico c’è Alta Rosa. Il brand toscano utilizza fibre naturali provenienti da coltivazione biologica certificata e propone completi in canapa o in chiffon sotto i 500 o i 1000 euro.

    SOTTO I 500 EURO Considerato che la spesa per il gran giorno non è più un tabù, Max Mara, nella collezione Bridal, ha offerte esclusive e bon ton che drappeggiano il corpo per meno di 500 euro o che, preventivando qualcosa in più, accarezzano il busto e segnano il punto vita con un fiocco. Per chi ama essere accompagnata all’altare dalla sicurezza di una griffe c’è Alberta Ferretti For Ever. La linea veste di tutto punto, con tessuti di altissima qualità e piacevoli al tatto e allo sguardo ma si arriva a sborsare fino a 3mila euro. La stessa Pronovias ha tante idee e scegliendo capi delle collezioni Glamour o Fashion si rimane nel budget senza rinunciare al sogno. Per chi, poi, avesse in programma un viaggio negli Stati Uniti meglio prenotare un appuntamento da David’s Bridal e puntare sulla nuovissima collezione sposa disegnata addirittura da Zac Posen: ci sono abiti a meno di 300 dollari.

    IL NOLEGGIO In Italia, Veronica Toscano immagina una sposa giovane, romantica e rifinitissima in crepe de chine e organza rimanendo in un range abbordabile. Ma l’outfit si può anche noleggiare. Da Vintachic è possibile scegliere tra più di trecento idee vintage autentiche dal 1880 al 1980 con prezzi che partono dai 450 euro. Per gli accessori meglio spendere qualcosa in più, perché possono essere riutilizzati fino alle nozze d’argento. Sandali gioiello come quelli di Ermanno Scervino o décolleté Sergio Rossi promettono una camminata sicura. I gioielli ammessi sono solo gli orecchini. Dodo li propone lucenti in oro rosa e rubini sintetici, mentre sulla piattaforma amusingold.com c’è un modello, glamour e d’impatto, in argento rodiato della designer Maria Vittoria Paolillo. E il risparmio si può usare per la luna di miele.


  5. Nozze in “grande”

    gennaio 28, 2014 by Francesca

    Dedicato alle curvy: Marina Rinaldi ha creato “Le Spose”, capsule collection di robes de mariée che accontenta tutti: dall’abito da principessa al semplice tailleur maschile. Denominatore comune sono i materiali fuidi e preziosi come pizzo chantilly, cady, georgette, raso di seta, e i ricami fatti a mano. come questo modello con giacca chiusa da cintura e revers lucenti e gonna lunga a tubo. Sofsticato con capelli raccolti e borsina gioiello al posto del bouquet per il rito civile, più tradizionale con make up leggero e un mazzo di fori legati da un nastro ton sur ton per la cerimonia in chiesa. info: marinarinaldi.com

    MiSe en SCene Dal reportage fotografico alla scelta dei fiori e del menu, dalla grafica per partecipazioni e libretti di nozze alla playlist musicale e alla mise en place. a tutto pensa il team di wedding planner Moi et toi (dopo aver ascoltato, naturalmente, le vostre esigenze e desideri). info: moitoi.it SPOSa COutuRe Una linea haute couture di abiti da sposa. Marco Strano, bridal designer emergente di origine siciliana, lancia una collezione iperfemminile con pochi modelli dalle linee sinuose in cui si fondono la tradizione dei dettagli preziosi, come pizzo macramè o tulle siciliano, con l’innovazione di materiali inconsueti, dal pvc alla carta. info: marcostrano.it

    beauty tiMe obiettivo: pelle luminosa e linea perfetta. Per un risultato visibile ci si può affidare alle mani esperte dello staff del beauty centre bella Vera a milano. con sedute personalizzate per trattamenti al viso e al corpo (ri)troverete forma e splendore. info: bellavera.it

    rSvP (è qui la festa) immersa nella campagna lodigiana, Villa Gattoni è una dimora ottocentesca, luogo ideale per i ricevimenti. negli ampi spazi del giardino all’italiana si può allestire l’aperitivo o il banchetto open air e anche celebrare il rito civile a richiesta degli sposi. nel porticato, e nelle sale interne adiacenti, si possono accomodare, al riparo da eventuali piogge, fino a 250 ospiti. info: villagattoni.it GPS (giusto per sposi)

    Destinazione Malesia. il programma di 12 giorni e 11 notti prevede l’arrivo a Kuala Lumpur, un tour tra cameron Highlands, Belum e Penang e gli ultimi 4 giorni al taaras resort & Spa di redang in camera garden deluxe. La quota da 3.200 € a persona comprende i voli di linea in classe economica, tutti i trasferimenti e le sistemazioni in hotel 4 stelle con trattamento di B&B. info: ciaksigiraviaggi.com

    word of mouth Se avete un abito minimalista al limite del noioso, renderlo smart è un attimo. Basta indossare una collana della giovane designer Micaela Sollecito. Sono pezzi unici artigianali, realizzati con nastri di seta e centrale in vetro di Murano, e rifniti in oro o platino. Info: micaelasollecito.com cara amica ti invito Pieghe, balze, cerchietti con nastri e applicazioni f loreali e uno stile tra memoria e avanguardia. Sono le caratteristiche di Kreisicouture, griffe di cappelli handmade firmata dalla designer di origine ungherese, ma milanese d’adozione, Krisztina reisini. Le sue creazioni sono così irresistibili che in poco tempo si è imposta nel fashion system con numerose collezioni, fino alla collaborazione con Borsalino in questa stagione. oggi lancia anche una linea cerimonia caratterizzata da pezzi unici, pensata per la sposa (da indossare al posto del velo), ma anche per testimoni, damigelle e invitate. info: kreisicouture.com


  6. Bouquet da sposa

    aprile 11, 2012 by Francesca

    Piccoli dettagli preziosi e stile retro per il bouquet della sposa 2012. «La tendenza è utilizzare accessori decorativi all’interno dei singoli fiori, come piccole perle o cristalli Swarovski, per dare un effetto gioiello», spiega Flavia Bruni, flower designer di Roma e titolare del negozio e dell’accademia per flower designer Daisy Flowers. Mentre intramontabile è la forma: quella tonda resta sempre la più gettonata dagli stilisti. «Ma di recente si tende a prediligere una forma più sferica, con gambi a vista e nastri coordinati all’abito». Resta, però, sempre valido il consiglio di scegliere il bouquet in base alla tipologia del vestito. «Per uno stile impero l’ideale è un bouquet a fascio in versione moderna, leggermente stilizzato, mentre per un abito con gonna larga meglio un bouquet tondeggiante»,
    prosegue Flavia Bruni. Ultime tendenze, infine: il bouquet versione borsetta floreale e quello vegetale arricchito da frutta e piccole piantine grasse.

    Orchidee Cymbidium, piccole rose e bacche, tutto nei toni del rosa, per un prezioso bouquet a sfera, Daisy Flowers.

    Bouquet a sfera con gerbere di varie dimensioni, gambi a vista e sottili steli verdi, Vincenzo Dascanio.

    L’ultima novità sono i fiori stabilizzati, per un ricordo che non appassisce mai, velina cascata di tulipani bianchi e lavanda, Moditalia2.

    Ideale per la sposa che non ha paura di osare, Vincenzo Dascanio.


  7. SIMPLE VS DECOR

    ottobre 10, 2011 by Francesca

    Due modi opposti di vestire e intendere la moda. E siccome è difficile decidere da che parte stare, nulla vieta
    di mescolare il tutto:

    1. Abito di seta con stampa damascata, Clips (€ 410). 2. Cintura, Vionnet (€ 422). 3. Pochette di satin con
    macro pietre, Bulgari (€4.900). 4. Borsa di ecopelle con perle e strass, Camomilla Milano (€ 65). 5. Orecchini
    chandelier con Swarovski, Sodini Bijoux (€ 91). 6. Orologio placcato oro con cristalli, Guess Watches (€ 269).
    7. Sandalo di satin con volant, Sergio Rossi (€ 750). 8. Occhiali-gioiello, Missoni by Allison. 9. Trucco: lo
    sguardo smokey si ottiene con la palette B/ueTie di Dior (€68). 10. Tubino di jersey, Liu Jo (€175). 11. Cintura di
    pelle, Orciani (€100). 12. Pochette di naplack, Gherardini (€474). 13. Handbagcon chiusura di metallo, Coccinelle
    (€ 198). 14. Orecchini Eclisse di jais e ore rosa, Vhernier (€ 7.300). 15. Orologio con cassa d’acciaio e cinturino
    di poliuretano, Starck with Fossil (€130). 16. Sandalo di nabuk gommato. Max Kibardin (€ 460). 17. Occhiali
    d’acetato, Persol (€170). 18. Trucco: incarnato perfetto con Touche éclat, lo stilo multiuso di Yves Saint
    Laurent (€ 35).

    SIMPLE 19. Occhiali con montatura di titanio, Silhouette (€299). 20. Cappello di feltro con nastro
    di canneté, Borsalino (€ 220). 21. Bangles Era d’argento, Tiffany & Co (€ 1.460 cad.). 22. Stivale di camoscio
    con tacco e plateau interno, Pura Lopez (€ 335). 23. Tronchetto di velluto con stiletto, Giuseppe Zanotti Design
    (€ 515). 24. Blazer in principe digalles, Max & Co. (€219). 25. Capelli: chignon basso e riga in mezzo, Michael
    Kors.

    DECOR 26. Occhiali con decoro di cristalli, Swarovski (€ 270) 27. Cappello di velluto jacquard con piume
    di struzzo, Kreisicouture. 28. Bracciale realizzato con materiali di recupero e pietre preziose, Alieni (€ 230). 29.
    Stivali spuntati di nappa e paillettes, Rene Caovilla. 30. Tronchetto di camoscio con applicazioni Swarovski,
    Alberto Guardiani (€ 530). 31. Blazer damascato, Relish.


  8. Idee in cucina

    ottobre 6, 2011 by Francesca

    IN LINEA CON GUSTO!
    È golosissima e ti aiuta a restare in forma: nella torta Margherita con yogurt della linea “Gustati la vita”, lo zucchero è sostituito dal maltiolo, un dolcificante naturale che si ottiene dall’amido di mais e riduce le calorie del 50 per cento.
    Una porzione da 100 g ha solo 373 calorie (San Martino, 3,78 euro).

    Gli ecopiatti
    Belli, chic ed ecologici. Per chi è attenta all’estetica e all’ambiente, è nata la collezione per la tavola Nat 3 Ecotable. Tre volte naturale perché è biodegradabile, riciclabile e compostabile. Si usa, si butta (nell’umido) e si smaltisce nella terra Bontà senza glutine come fertilizzante (JMG, da 1,55 euro, 12 pz).

    BONTA’ SENZA GLUTINE Non è più un problema trovare ricette gustose per chi è celiaco. A semplificare la vita ci pensa Nutrifree con una linea completa di alimenti senza glutine e un sito dove trovare risposte specifiche di medici e nutrizionisti. In più, tante ricette squisite come la salsa di tofu aromatica con i cetrioli (www.nutrifree.it).

    QUESTO ti facilita la vita
    Sarebbe bello cucinare cosce di pollo e filetti di orata al cartoccio profumati e fragranti in poco tempo, senza aggiungere grassi e sporcare il forno. Con “Il cartoccio” è semplicissimo: basta infilare nel sacchetto gli alimenti, aggiungere il mix di erbe e spezie della confezione, agitare, infornare e gustare (Knorr, 1,25 euro).


  9. Regala un anello per Haiti

    settembre 28, 2011 by Francesca

    Più di un anno fa, il 12 gennaio 2010, un terremoto spaventoso colpiva Haiti, uccidendo più di 200mila persone e stravolgendo per sempre, secondo le stime della Croce Rossa e dell’Onu, la vita di almeno 3 milioni di persone. Nei giorni successivi alla prima scossa l’ospedale N.P.H Saint Damien di Haiti, unica struttura ospedaliera pediatrica gratuita dell’isola, divenne il centro nevralgico dei soccorsi internazionali. Oggi il marchio di gioielleria Vhernier e il suo presidente Carlo Traglio hanno deciso di sostenere l’ospedale Saint Damien attraverso la Fondazione Francesca Rava, che rappresenta in Italia la N.P.H. (acronimo di Nuestros Pequeños Hermanos, I nostri piccoli fratelli), organizzazione umanitaria dal 1954 al servizio dei bambini piu poveri dell’America Latina.

    Per sostenere l’ospedale di Haiti Vhernier ha creato l’anello “Pirouette” (nella foto), realizzato in argento con una fodera in oro rosa, al cui interno sono incise le parole “Vhernier for N.P.H. Haiti”. Creato in un’edizione limitata di mille pezzi, l’anello sarà venduto nelle boutique Vhernier in Italia e all’estero a 970 euro. Il margine di ricavo della vendita sarà interamente devoluto all’Ospedale Saint Damien: 450 euro che corrispondono al costo di un’operazione chirurgica. In vendita da febbraio 2011, l’anello è prenotabile da subito al numero 02 77331560 o all’indirizzo info@vhernier.it.

    Dopo l’iniziativa “Un anello, un’operazione chirurgica per salvare un bambino”, la collaborazione tra Vhernier e Fondazione Francesca Rava proseguirà con l’emissione di borse di studio per medici haitiani che potranno perfezionare la loro professione all’interno di centri medici d’eccellenza italiani.


  10. 5 MUST

    settembre 26, 2011 by Francesca

    La custodia IBOOBIES
    Quando la moglie è in vacanza… un modo per ricordarsela c’è sempre! Waterproof e anti polvere, iBoobies è il porta iPhone ideale per la spiaggia. Realizzato, nemmeno a dirlo, in silicone, si può acquistare a meno di 10€ fantastik.it

    Il cappello BORSALINO
    Quando si dice che l’unione fa la forza. Borsalino, storico brand di Alessandria, incontra Willow, l’artista pop più cool del momento, e nasce Fashion Ballons, esclusiva collezione personalizzabile di panama dal look divertente ed elegante.

    La fotocamera Fischers fritze
    Se non volete rinunciare alle foto delle vacanze, ecco l’edizione acquatica della vostra Lomo. La Sardina Camera & Flash di Fischers Fritze è dotata del più potente flash per Lomo, in grado di fotografare anche i più scuri fondali marini. Da Colette a 90 €.

    Le infradito HAVAIANAS
    Dalla passione di Angela Missoni per il Brasile nasce la micro collezione di infradito Missoni loves Havaianas. I colori della bandiera italiana incontrano quelli della bandiera brasiliana, oltre al nero e all’arancio in un gioco di onde e zig zag, 50 euro.

    Gli occhiali LINDA FARROW
    Continua la collaborazione tra il visionario designer Jeremy Scott e Linda Farrow, iconico brand di occhiali. Il risulato? Hands, occhiali da sole senza lenti, nate dall’incastro di due mani. Non passerete inosservati! 180 euro