RSS Feed

CON SARA SI VA ALLE RADICI

01/02/2013 by Francesca

La Lucy del titolo non è la protagonista, bensì l’ominide i cui resti furono ritrovati in Etiopia nel 1974. Che c’entra con un romanzo? Centra, perché Lucy diventa l’amica immaginaria della paleontologa Sara, la protagonista del nuovo libro (Feltrinelli, € 15) della regista e scrittrice Cristina Comencini (sopra). In cui si racconta della pausa di riflessione forzata che Sara, una vita dedicata all’antropologia, deve prendersi. E per fermarsi e riflettere, sparisce. Che tipo di donna è Sara? «È una pioniera È una donna complicata, difficile.

Ha sperimentato un cambiamento repentino nella vita: lei che è di umili origini fa carriera come antropoioga E come molte donne moderne, cerca di tenere insieme carriera e famiglia». Ancora una volta, le dinamiche familiari, con il proprio uomo, con i figli, sono il cuore di un suo romanzo. «Le famiglie sono luoghi interessanti. La nuova posizione delle donne nella famiglia ha creato situazioni contraddittorie, e molto spesso si parla di crisi della famiglia. Erroneamente. 10 piuttosto parlerei di una trasformazione della famiglia». In cosa sono diverse, oggi, le donne? «Il mutamento più grande riguarda 11 senso della forza di libertà, la possibilità di scelta della propria vita. Si è abbandonato il sacrificio di se stesse e si punta alla propria realizzazione».


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!