RSS Feed

Hermès, il lusso del foulard 2.0

10/10/2014 by Francesca

Il portale è un vero e proprio palazzo virtuale dedicato ai famosi foulard e disegnato dall’illustratore francese Pierre Marie, che dal 2008 ha collaborato più volte col suo estro con la casa di moda. Sul nuovo sito si intrecciano storie impalpabili di colori, terre lontane, natura e simboli di potere raccontate nella loro ispirazioni. Le porte si aprono sui consigli di manutenzione del carré, mentre due applicazioni, Tie Break e Silk Knots, permettono nello specifico a lui di abbinare alla camicia la giusta fantasia della cravatta e a lei di scoprire in quanti modi può essere indossato un foulard, come cintura, top, turbante dalle mille forme e anche come gonna pareo. Pierre Marie ha ideato tante stanze quanti sono i modelli, rispettando il dna della casa di moda parigina: il lusso disinvolto di essere la quintessenza dello chic e di avere sempre voglia di giocare. La velocità della rete, la perizia degli artigiani, l’estro dei creativi e l’ovattata atmosfera della boutique fanno sì che le stoffe si svelino nel dettaglio di uno zoom e, nello stesso tempo, mantengano quell’aura di mistero che da sempre contraddistingue Hermès e che ha ispirato libri e film, oltre che i sogni di buona parte della popolazione femminile mondiale.

LA CONFEZIONE Proprio dall’essere globale nasce La Maison des Carrés, «uno store online, dove trovare un’ampia selezione delle nostre collezioni – spiega Bali Barret, direttore artistico dell’universo donna – ma anche un luogo di esperienze incredibili e in continua evoluzione». A qualsiasi ora e in qualsiasi luogo è possibile perdersi tra i tanti modelli e acquistarli, vedendoseli recapitare nella celebre scatola arancione profilata di marrone e chiusa dal nastro bolduc. La confezione in questione, peraltro, divenne un segno distintivo della maison quasi per caso. Il fondatore avrebbe preferito dei contenitori sobri per i suoi prodotti, ma dati i tempi difficili della guerra si dovette adattare ad acquistare uno stock di scatole decisamente più sgargianti rispetto ai suoi desideri. Il primo carré è più o meno contemporaneo, risale al 1937, si intitola Jeu des omnibus ed è a firma Hugo Grygkar.

LA LAVORAZIONE Ogni foulard racconta una propria storia e da quella data sono state create da Hermès più di mille diverse rappresentazioni. I temi sono concordati dal disegnatore col direttore artistico Pierre-Alexis Dumas e sono necessari da sei mesi a un anno per ottenere il delicatissimo accessorio, che pesa 65 grammi e che ora è disponibile anche nel formato bandana o lunga sciarpa. La fantasia scelta, infatti, è trasmessa all’incisore, che la scompone in diversi quadri di colore. Si passa, poi, alle innumerevoli prove di stampa per definire le tinte e le tante sfumature, che vengono in seguito fatte asciugare e rese più luminose e orlate a mano, proprio come si faceva quasi un secolo fa.


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!