RSS Feed

L’app salvavita

21/06/2011 by Francesca

A VEDERE il video di presentazione, la si potrebbe scambiare per una serie televisiva in stile E. R. o Grey’s Anatomy. Una coppia di anziani sta facendo la spesa, quando a un tratto il cuore di lui smette di pompare sangue verso il cervello e gli altri organi vitali. È un arresto cardiaco improvviso, causa di morte per 300.000 persone all’anno solo negli Stati Uniti. Poco lontano un commesso sta mettendo a posto delle stampanti. Il suo smartphone inizia a suonare e lo avverte: nel negozio accanto c’è un uomo che sta per morire. Se si sbriga, può ancora salvarlo, mettendo in pratica ciò che ha imparato sulla rianimazione cardiopolmonare. La prima novità è che non si tratta né di un film né di una serie, ma di una applicazione per smartphone chiamata Fire Department. La seconda è che a svilupparla non sono stati i soliti “geek” della Silicon Valley, ma una singolare joint venture tra il Dipartimento dei Vigili del Fuoco di San Ramon Valley (sempre in California) e un manipolo di studenti del Centro di Informatica Applicata della Northern Kentucky University.

La app salvavita. L’applicazione si unisce a una serie – non molto lunga, per la verità – di programmi pensati per mettere la tecnologia al servizio del primo soccorso, quella catena di eventi che può determinare la sopravvivenza o meno di una persona. A differenza dei suoi colleghi, però, Fire Department sposta l’attenzione dalla dimensione informativa alla praticità dell’azione, rivolgendosi direttamente ad utenti già in possesso delle nozioni necessarie per intervenire con competenza. La app, per ora disponibile solo per iPhone e iPad, può essere scaricata gratuitamente dal sito internet dei Vigili di San Ramon oppure dall’Apple Store. Al momento dell’installazione, il programma chiede all’utente se ha seguito o meno un corso di rianimazione cardiopolmonare. In caso di risposta affermativa, la domanda seguente è: “Sei disposto ad aiutare uno sconosciuto in una situazione di emergenza?”. Con un altro “sì” si entra ufficialmente nel club degli angeli custodi pronti a intervenire in qualsiasi momento.


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!