RSS Feed

Latin lover di primavera

13/04/2015 by Francesca

Era uno di quei discorsi da salotto da farsi quando si aveva ben poco da dire. L’affermazione che non ci sono più gli uomini di una volta, e anche, va detto, le donne di una volta, viaggiava sul filo dell’ ironia e dello scherno per i tempi contemporanei messi a confronto con quelli andati. Una sorta di non ci sono più le mezze stagioni di carattere sentimentale, insomma. La chiacchiera qualche fondo di verità lo aveva. Il maschio, in poche parole, veniva additato dalle signore come mancante della più basilare galanteria. Poco interessava che tale dote fosse una naturale predisposizione o frutto di un comportamento messo in atto per il proprio tornaconto, l’importante era l’attenzione. Quella spesa per rendere più piacevole il proprio aspetto senza cadere nell’affettazione, quella adoperata per scegliere il giusto abbigliamento e i migliori abbinamenti e quella riservata alla conquista di una donna, che fosse l’amore di una sera o di tutta una vita.

Insomma, il tempo dedicato e donato, quello necessario ad accendere la passione anche secondo Julian Kay/Richard Gere in un film come American Gigolò, che ha segnato (anche) la storia del costume maschile. SULLO SCHERMO La pellicola ha trentacinque anni, molti look sono tuttora attuali e la figura del Casanova, innamorato delle donne e dell’amore stesso, ritorna oggi sugli schermi con Latin Lover di Cristina Comencini. Segno che il gentleman, agli antipodi dal playboy narcisista e poco interessante, continua a mietere vittime grazie a sguardi magnetici e charme. E a guardare le passerelle della primavera/estate quest’uomo pare tornato. Non a caso, infatti, si sono imposti capi che sottolineano il fascino naturale, consapevole e colto. L’abbigliamento pratico e multitasking va a braccetto con la sartorialità, la raffinatezza con la leggerezza. Quest’ultima non s’infrange, ma rende fluttuanti le righe, che sono il leitmotiv di Emporio Armani, mentre nella prima linea dello stilista si sente ancora di più quell’aria tiepida e inafferrabile della primavera, tra giacche destrutturate e ridotte al minimo e pantaloni ampi dal piglio mascolino. Il confort continua a essere essenziale per l’uomo e Tombolini ne celebra l’apoteosi con il completo Zero Gravity: giacca e pantaloni adatti a ogni occasione, ma impalpabili grazie al peso minimo del tessuto e della struttura.

SFUMATURE DI BLU Anche Paoloni pensa a sdoganare l’uomo dalla scarsa libertà a cui un capospalla può costringere, soprattutto col caldo. Propone così la giacca camicia, ma anche micro fantasie, jacquard e sfumature di blu per i completi in cotone mischiato a seta, tutti con vestibilità slim. Da Salvatore Ferragamo le stampe in miniatura danno consistenza alle stoffe di bluse, trench e blazer avvolgenti come kimono e dai colori di un’estate vissuta, come il ruggine, il cuoio e il sabbia. Esplosive e vivaci, invece, le cromie sfoderate da Harmont & Blaine, che nella giacca unisce l’informalità dei due bottoni a impunture raffinate e sceglie pantaloni dal taglio classico in gabardine tinto capo. Studiati i look proposti da Tagliatore. Le giacche leggermente lunghe sui fianchi, in lino e seta per dare freschezza, si abbinano a gilet mono o doppiopetto creando outfit da dandy ribelle dalla forte personalità. Quadri, righe e lino sono il leitmotiv della bella stagione per Angelo Nardelli, che si ispira ai panorami assolati e alle ceramiche della Sicilia.

SLIPPER IN RAFIA Stile rilassato per Roy Roger’s, con pantaloni tinta unita o in fantasia floreale dal taglio comodo e col cavallo allungato, quindi più confortevole. Essenzialità e pochi artifici anche per le camicie, in pieno accordo con quell’aria rilassata tipica della bella stagione. Ai piedi i modelli classici delle calzature celano vezzi e dettagli che alleggeriscono le tomaie e di conseguenza i passi. La pelle è sottile e intrecciata e le fibbie creano giochi di pieno e vuoto da Santoni, che sperimenta anche le espadrillas in vitello sfumato di azzurro adatte persino in città in occasioni informali. a.testoni, invece, propone addirittura le slipper in rafia e cotone a motivi grafici in bianco e nero.


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!