RSS Feed

METTI, UNA SERA A CENA CON VISTA E CON DUCASSE

21/12/2013 by Francesca

Ogni tanto uno sfizio bisogna pur toglierselo e d’altronde per cucinare bene devi avere di sicuro dei punti di riferimento. E quale riferimento migliore di Alain Ducasse? Così un regalo davvero unico può essere la cena che il grande e pluristellato chef francese prepara il 30 gennaio 2014 al Jules Verne, il ristorante sulla Tour Eiffel, che festeggia i 30 anni di attività. I piatti sono ispirati ai romanzi dello scrittore, i vini Dom Perignon, lo scenario ineguagliabile. Il prezzo? 550 euro a testa per posti ovviamente limitati (si prenota allo: 00.33. 01. 45. 55. 61. 44). Ma se si è più spartani può essere un riferimento la cucina di Madeleine Muston-Jahier, cuoca valdese di cui Claudiana editrice ripropone un sorprendente (per la modernità: anticipa la tendenza «fusion» di oggi) quaderno di ricette datato 1809. A curarlo sono Walter Eynard, lo chef stellato del rimpianto Flipot di Torre Pellice e suo figlio JeanDavid (144 pagine a colori, 20 euro).

Un ricettario contemporaneo accompagna invece la nuova pentola di ceramica Emile Henry che permette di fare il pane come se usaste un forno a legna. Si inserisce nel forno elettrico di casa, cuoce una pagnottona per volta (120 euro). Se invece il vostro problema è quello di creare con il riso quei cubi perfetti che nei ristoranti di sushi vi fanno impazzire, fa per voi Rice Cube, un nuovo attrezzo (lo commercializza Home&More) che costa 12 euro. È di plastica e in vari colori. Anche di plastica è la nuova pistola spargi salsa (20 euro) evoluzione della specie della vecchia sac a poche , di un rosso vivo sembra una vera colt giocattolo.

Sulla confezione scrivono però che non è un giocattolo, ma nessuno vi vieta di fare scherzi – anche se di dubbio gusto – ai vostri commensali: l’avesse avuta a disposizione Anna Magnani di sicuro l’avrebbe «scaricata» addosso a Roberto Rossellini, per i suoi tradimenti con Ingrid Bergman, invece di versargli sulla testa una «cofana» di ragù napoletano. Peraltro un’interessante evoluzione della «cofana», ossia dell’insalatiera metallica o di porcellana è la nuova Drop di silicone, (45 euro) coloratissima e, come dice il nome a forma di grande goccia spiaccicata. Per chi ama invece affettare alla vecchia maniera salumi e prosciutti un regalo intramontabile e di classe è la Berkel, la Ferrari del settore. La versione a volano (con azionamento manuale), con tanto di basamento non costa meno di 5 mila euro, ma se vi accontentate della sola affettatrice e per di più elettrica la Berkel ne propone anche a 600 euro. D’altronde nelle cene di Natale anche gli affettati (culatello, prosciutto crudo, bresaola, ecc) possono aiutare a tener vivi gli affetti.


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!