RSS Feed

Piumini, parka e husky: passione senza brividi

02/12/2014 by Francesca

Elegante modello fashion di parka indossato da una top model russa Lasciamo stare polemiche, diatribe e via discorrendo che – anche recentemente- hanno coinvolto il magnifico praticissimo piumino. Desideriamo, invece, ricordare ancora una volta che questo indumento senza tempo così come parka e husky – venuto a sostituire con enorme successo la pelliccia, apprezzato da ecologisti e animalisti, ma anche stupenda insostituibile coperta- può essere imbottito non soltanto con piuma ma con ovatta termica e 100 per cento in poliestere. Eccolo, dunque, l’amico piumino -che viene suggerito anche fra gli utilissimi regali di Natale- ecologico, caldo, ultrasoffice, antipioggia e antivento, pieghevole, comodissimo, ideale per viaggio (sia indossato, sia in una borsa per un «cambio ad hoc» e per qualsiasi altra occasione). Con quanto mai utili taschini interni (come le giacche e i cappotti da uomo). Con o senza cappuccio (anche staccabile), non soltanto a giacca, a giaccone o a cappotto lungo alla caviglia e così ampio da far sembrare anche la donna più sottile una «femme Michelin». Ma a gilet, a giacchino, double-face, anche doppio petto, con taschini, maniche di lana (imbottite), zip, cerniere, bottoni d’ogni tipo, inserti di velluto o di lana, decorato, impreziosito tanto da poter essere indossato – in alternativa alla cappa- «up to date» per sera.

COMPAGNO O RIVALE DEL PARKA: ovvero di quel capo esquimese che ci arriva dalle isole Aleutine, in tessuto impermeabile, imbottito, chiuso da zip, lungo al ginocchio, con cappuccio anche guarnito con pelliccia, creato per lo sci o comunque per vacanze in montagna oggi diventato «di tutt’ uso» casual proprio come il «fratello» anorak, in origine indumento degli esquimesi (anorak, nella loro lingua, è il vento) realizzato in tessuti ultra tecnologici, diventato popolarissimo quale indumento sportivo, si differenzia dagli altri capi per una grande tasca sul davanti; o come la «cugina husky» (il nome è quello del famoso cane polare) nata come giacca da caccia, creata dall’ ex aviatore americano Steve Gulyas e da sua moglie Edna. La copppia, trasferitasi in Inghilterra, si dedicò all’abbigliamento da caccia e pesca che vide in primo piano questo capo di nylon trapuntato con collo di velluto millerighe, e di gran successo quando lo si vide indossato dai reali inglesi, prediletto per andare a cavallo. Piumino, parka, husky, anorak: ultraleggeri, caldissimi, pratici, ideali per i prossimi mesi lasciano libertà di scelta -sia per donna quanto per uomo- portando conforto nei mesi più freddi e piovosi. E con il clima che da qualche tempo ci ritroviamo, siano i benvenuti.


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!