RSS Feed

Regala un borgo antico

26/04/2011 by Francesca

Quanto costa un pezzo di storia nel cuore del Parco Gran Sasso e Monti della Laga? Appena 144 euro al metro quadrato. Tanto serve per acquistare il borgo medioevale di Valle Piola, frazione disabitata del comune di Torricella Sicura, in provincia di Teramo, a circa mille metri sul livello del mare ed a pochi chilometri dal confine con Ascoli Piceno.

I proprietari del paesino fantasma si accontentano di soli 550 mila euro – meno di quello che in alcune città serve per un comodo appartamento in centro – in cambio di «undici edifici in muratura di pietra locale a vista da restaurare per una superficie calpestabile totale di 3.800 metri quadrati e da terreni circostanti di 60.000 metri quadrati». L’annuncio è apparso pochi giorni fa su alcuni dei principali siti di compravendita immobiliare. Ad inserirlo è stato Giacomo Ciapanna, geometra col pallino delle ristrutturazioni, che lì sogna di realizzare quanto già fatto dall’immobiliarista italo-svedese Daniele Kihlgren a Santo Stefano di Sessanio. «Il progetto – spiega Ciapanna – è nella fase iniziale. Il nostro vero obiettivo è quello di ridare vita a Valle Piola. Il prezzo non è elevato perché, altrimenti, nessuno lo acquisterebbe».

Eppure il borgo ha un valore storico inestimabile, se si considera che il primo documento scritto sull’abitato risale al 1059 e che, all’interno di questo piccolo nucleo di case incastonate in uno scenario mozzafiato, sono presenti reperti storici unici. Come i “gafii”, i caratteristici balconi di origine longobarda. Valle Piola risulta abbandonata dal 1977, si legge su Wikipedia, quando l’ultima famiglia si trasferì altrove, ma ora «il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga vuole riportarlo a nuova vita con un progetto di ristrutturazione e rivitalizzazione». Un equivoco. Forse un errore. Che l’enciclopedia on-line farebbe bene a correggere. L’Ente Parco al momento non sta portando avanti alcun piano di recupero. Né potrebbe, anche volendo, sia per mancanza di fondi sia perché le risorse ministeriali sono indirizzate principalmente alla tutela e alla valorizzazione dell’ambiente. Anche le casse del Comune di Torricella Sicura piangono miseria.


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!