RSS Feed

Spirale contro l’allergia

29/04/2011 by Francesca

Oggi vi proponiamo una brave news su di un futuro possibile regalo che farà molto felici tutti i vostri amici “allergici”. Si perchè è in fase di sperimentazione un accessorio che potrebbe evitare l’inalazione di particelle allergizzanti.

Si allarga l’armamentario per contrastare le allergie respiratorie che soprattutto in questo periodo dell’anno, coi pollini che impazzano dal Sud al Nord Italia, compromettono il benessere di circa 6 milioni di italiani. Per limitare il contatto con le particelle nocive inspirate la nutrita schiera di allergici, e non solo, può ora contare su particolari «filtri» nasali, frutto di una nuova tecnologia tutta italiana.

Si tratta di una coppia di piccoli tronchi di cono: due piccoli «mini-imbuti» studiati per captare le particelle contenute nell’aria che si respira. «Per ora abbiamo sperimentato questa tecnologia in una ventina di pazienti, da tempo allergici alla parietaria – riferisce Gennaro D’Amato, primario della Divisione di Malattie respiratorie e allergiche dell’Ospedale Cardarelli di Napoli -. Metà dei pazienti con allergia più severa ha utilizzato i piccoli tronchi di cono in sinergia alle cure tradizionali (antistaminici e cortisonici), mentre l’altra metà, con allergia più lieve, ha fatto affidamento essenzialmente sui “mini-imbuti”, ricorrendo agli antistaminici durante il picco pollinico. I risultati che abbiamo raccolto sono molto incoraggianti: l’utilizzo di questi dispositivi ha infatti diminuito i sintomi nasali (starnutizione e prurito)».

L’azione di «bonifica» dell’aria inalata operata dai dispositivi nasali è assicurata da uno speciale gel biocompatibile che, stratificato sulla loro superficie interna, è capace di attrarre per carica elettrostatica gli allergeni e di invischiarli grazie alla sua elevata viscosità. «In realtà – puntualizza Luigi Allegra, titolare di Malattie dell’apparato respiratorio dell’Università degli Studi di Milano – l’azione di purificazione dell’aria è duplice: i “filtri” nasali agiscono sia sui pollini sia sulle polveri sottili inquinanti. Ciò è particolarmente significativo se si considera che, soprattutto nelle metropoli e nelle grandi città, anche lo smog è tra le principali cause di danno respiratorio».


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!