RSS Feed

The music Of Street Culture

10/09/2012 by Francesca

Sullo sfondo ci sono miti musicali come i Pearl Jam e Kurt Cobain, solide leggende da palcoscenico portavoce di un’indipendenza assoluta e di una vita dissoluta; in primo piano, invece, primeggiano, boots con interni in lana tartan, cinture morbide e intrecciate, ganci e cuciture a vista, fibbie a tema e dettagli un po’ shabby. È uno stile ‘alternativo’ quello che gli stilisti pensano per il prèt-àporter Autunno/Inverno 201213. intrecciato alla musica decisa dei The Killers e all’allure rilassata di maglioni tricottati. alla grinta di giubbotti di pelle e alla spinta veloce delle note musicali. Lo stile indie rock, studiato nelle sfumature e disordinato solo apparentemente, ricorda da dove viene ma mira dritto al futuro: cavalca il successo di etichette indipendenti e di scarponcini naturai a coda di rondine, di sottocultura urbana e di pelli pregiate e usurate.

I sui seguaci prediligono giacche di pelle e bracciali trasgressivi. Le moderne icone di questo stile sono Riccardo Tisci e Richie Sambora,ma anche i mille volti di quella Street culture che partecipa ai festival di Glastonbury e Coachella, adorati da Kate Moss e Pixie Geldof, fatti di musica e tendenze upto-date. Mentre vezzi e capricci sono nel dna di questo stile: dalle stringhe multicolor ai braccialetti borchiati, dalle suole camouflage alle rivisitazioni della classica kefiah, ogni tocco inusuale è parte fondamentale del look; insieme a una palette cromatica che abbina ai classici ferro antracite e testa di moro colori primari vivaci come il rosso pastoso o il giallo limone. Per spiccare nella grigia realtà urbana e per distinguersi a un concerto o a un vernissage. A New York, Londra o Parigi. Scenografie quotidiane del nuovo indie rocker.


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!