RSS Feed

Un weekend a Stoccolma

09/07/2013 by Francesca

La visita al Fotografiska Stoccolma, la capitale svedese, è in continua evoluzione. L’Arlanda Express, treno da e per l’aeroporto, porta in centro in 20 minuti. La zona più alternativa è Sòdermalm, dove il Restaurang Nyagatan (Skånegatan 84) offre cibo a km zero. Imperdibile la torta di patate grattugiate con caviale svedese e i toast con i gamberetti. Un salto al Fotografiska (Stadsgårdshamnen 22), museo di fotografia aperto fino alle 23, poi notte all’Hotel Hellsten, con memorabilia dall’Africa del proprietario-antropologo (Luntmakargatan 68) Ore 10 di sabato Sul palco per cantare con gli Abba A Djurgården il nuovo Abba The Museum merita almeno un paio d’ore. Raccoglie memorabilia e amenità varie sulla band pop: abiti, dischi, foto, strumenti, video, la ricostruzione dello studio di registrazione.

Il bello è che è interattivo. Si sale sul palco e si canta con loro grazie a un sistema di ologrammi che riproduce la band in 3D. Tornati a casa si può vedere l’esibizione online: il biglietto di ingresso registra un Id virtuale sul sito del museo (www.abbathemuseum.com) nel quale si caricano i contenuti delle performance Ore 12.30 Pranzo nell’ex ricovero per barche Non lontano dal museo degli Abba ha aperto Oaxen, ristorante ricavato da un capannone dove ricoveravano barche (www.oaxen.com). Si dorme nell’albergo-nave ormeggiato in banchina. Prima un salto a Ostermalm Saluhall, mercato coperto ricco di delizie ittiche, e al giardino botanico Rosendals trädgårdar, sull’isola di Djurgården. Aperitivo allo storico Berns (www.berns.se); cena a prezzi accessibili al Restaurang Tradition (Tulegatan 10)

Ore 11 di domenica Al museo in vetro tra le rocce Venti minuti di battello tra i fiordi e si arriva sull’isola di Varmdö. Un’ora di viaggio per riempirsi gli occhi dei paesaggi del Mar Baltico (partenze dalla baia Nybroviken) e per scoprire, all’arrivo, lo spettacolare Artipelag: non solo un museo, ma un luogo dove ritrovare il contatto con la natura. L’edificio di vetro progettato dallo svedese Johan Nyrén poggia su una collina con sentieri tra boschi di betulle e rocce. Da percorrere a piedi (www.artipelag.se).


Nessun commento »

No comments yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tempo esaurito. Ricarica il codice!